< >

Vanoli Luigi

Cognome:
Vanoli
Nome:
Luigi
Figlio di:
Biagio
Pseudonimo:
Gino Comelli
Luogo e data di nascita:
Nato a Voldomino (VA), il 21 febbraio 1908
Origine sociale e percorso politico prima dell'arrivo in URSS:
Di origine operaia, istruzione elementare, si iscrive al PCI nel 1923. Arrestato nel 1927 per aver partecipato a uno sciopero, è presto liberato. Nel febbraio 1928, per sottrarlo a un nuovo arresto, il PCI lo invia in Svizzera e poi in URSS
Data dell'arrivo in URSS:
1928
Percorso politico e professionale in URSS:
Il 10 aprile del 1928 arriva a Mosca per partecipare a uno dei Congressi dell'Internazionale Comunista e si iscrive ai corsi della KUNMZ. Nel dicembre dello stesso anno, a causa di una malattia, interrompe gli studi. In seguito lavora come falegname prima in una fabbrica di mobili a Minsk, poi a Rosto v sul Don. Nell'autunno del 1932 ritorma a Mosca e lavora prima come traduttore poi come meccanico alla fabbrica n. 207 ("Dirižabl'stroj") della capitale. Iscritto alla VKP(b) dal 1931,ne viene espulso nel 1936 poiché non aveva preso la cittadinanza sovietica. Al momento dell'arresto vive alla stazione Dolgoprudnaja della ferrovia Savelovskaja, d. 1, kv. 7
Data, luogo e motivi dell'arresto:
Arrestato a Mosca il 5 [8] febbraio 1938 con l'accusa di spionaggio e attività sovversiva a favore dei servizi segreti italiani
Condanna:
Condannato alla pena capitale il 22 [29] maggio 1938 con l'accusa di spionaggio e attività diversiva per i servizi segreti italiani in base all'art. 58-6
Data, luogo e causa della morte:
Fucilato a Butovo il 3 giugno 1938
Liberazione:
Riabilitazione:
Riabilitato il 6 ottobre 1956
Archivi:
RGASPI, f. 513 op. 2 d. 69; GARF, f. 10035, op.1, d. P-26421, d. P-31289;
FIG, APC 1921-1943, fasc. 1517;
ACS, CPC busta 5321
Martirologi:
Butovskij poligon. 1937-1938, vyp. 1, Moskva 1997, p. 217
Fonti di stampa:
Documenti, lettere, oggetti, fotografie: