< >

Ghezzi Francesco

Cognome:
Ghezzi
Nome:
Francesco
Figlio di:
Giulio
Luogo e data di nascita:
Nato a Cusano Milanino (Mi) il 4 ottobre 1893
Origine sociale e percorso politico prima dell'arrivo in URSS:
Di famiglia operaia, inizia a lavorare a 7 anni. Anarchico, subisce vari processi e condanne per disfattismo, organizzazione di scioperi, detenzione di esplosivi. Nel 1914 emigra in Francia per evitare l'arresto, quindi in Svizzera. Tornato a Milano nel 1920, è coinvolto nell'attentato al cinema Diana. Condannato in contumacia a 18 anni e 8 mesi di reclusione,viene inviato in URSS dall'organizzazione anarco-sindacalista milanese, per il 1° congresso del Profintern
Data dell'arrivo in URSS:
1921
Percorso politico e professionale in URSS:
Tre mesi dopo l'arrivo a Mosca, si reca a Berlino al Congresso anarchico internazionale, e qui viene arrestato nel 1922. Dopo 9 mesi di carcere, è liberato e nel 1923 torna in URSS. Fino al 1926 vive a Jalta, dove lavora in una comune agricola di emigrati politici anarchici. Quindi è operaio alla "Labormetiz" di Mosca
Data, luogo e motivi dell'arresto:
Arrestato l'11 maggio 1929 a Mosca con l'accusa di "aver condotto, in qualità di anarchico militante, propaganda controrivoluzionaria contro il VKP(b) e le autorità sovietiche". Arrestato nuovamente il 5 novembre 1937 e rinchiuso nel carcere interno n. 1 dell'UNKVD di Mosca
Condanna:
Condannato a 3 anni di reclusione l'11 gennaio 1930 e inviato al carcere politico di Suzdal'. Dopo il secondo arresto,condannato a 8 anni di lager il 3 aprile 1939 dal PP dell'OSO dell'NKVD dell'URSS in base all'art. 58-10 e inviato al Vorkutlag. Il 13 gennaio 1943 (quando era già deceduto in lager) viene condannato alla pena di morte per partecipazione a un'organizzazione antisovietica
Data, luogo e causa della morte:
Muore il 3 agosto 1942 al Vorkutlag
Liberazione:
Liberato nel 1931 grazie a una campagna internazionale a suo favore, organizzata da Romain Rolland. Torna a Mosca, lavora nel reparto riparazioni della "Labormetiz" fino al nuovo arresto nel 1937
Riabilitazione:
Riabilitato il 21 maggio 1956
Archivi:
GARF f. 10035 op.1 d.P-27002; RGASPI f.513 op.2 d.69; ACS, CPC, busta 2357
Martirologi:
Comi