con il contributo della Fondazione Cariplo

Inseparabili. Due gemelli nel Caucaso | Anatolij Pristavkin

Sezione: I libri di Memorial, News

Anatolij Pristavkin
Inseparabili. Due gemelli nel Caucaso
Traduzione, cura e postfazione di Patrizia Deotto
Guerini e Associati 2018 (edizione digitale pubblicata in coedizione con goWare)

 

Lo scrittore, prendendo spunto da un’esperienza autobiografica, ricostruisce la tragedia della guerra (il romanzo è ambientato nel 1944) attraverso gli occhi di due undicenni, i gemelli Kuz’min. Sullo sfondo delle vicende personali dei due gemelli si delinea una tragedia nella tragedia che Pristavkin rievoca in tutta la sua drammaticità: la deportazione forzata di interi popoli dalle proprie terre di origine.

Saška e Kol’ka Kuz’min, trasferiti insieme ad altri cinquecento ragazzi da un orfanotrofio della periferia di Mosca nel Caucaso, che ai loro occhi appare come una terra meravigliosa, zeppa di stanze del pane dove mangiare a sazietà, si ritrovano ben presto coinvolti nelle tragiche vicende conseguenti alla deportazione forzata dei ceceni accusati di tradimento e collaborazionismo con il nemico. Il contrasto tra il mondo scintillante e luminoso, promosso dalla propaganda staliniana, e le condizioni di vita reali dei due Kuz’min e degli altri orfani, trattati, salvo rare eccezioni, con indifferenza e considerati semplici pedine da utilizzare per la realizzazione di progetti inimmaginabili, disorienta e lascia sconcertati. Pristavkin invita a riflettere sull’insensatezza della guerra e della violenza e sull’importanza del confronto e del dialogo per una coesistenza pacifica tra i popoli.

Il libro è promosso da Memorial Italia ed è il primo volume della collana Narrare la memoria

Recensione di Giordano Balcecchi su Sul romanzo


Inseparabili. Due gemelli nel Caucaso | Anatolij Pristavkin