con il contributo della Fondazione Cariplo

Il libro: Il segno non si cancella. Il destino degli ostarbeiter nelle lettere, memorie e racconti

Sezione: In primo piano, Letture

A.Kozlova, N. Michajlov, I. Ostrovskaja e I. Scerbakova,  Znak ne sotretsja . Sud’by ostarbajterov v pis’mach, vospominanjak i ustnych rasskazach (Il segno non si cancella. Il destino degli ostarbeiter nelle lettere, memorie e racconti).

Izd. Agey Tomesh 2016

Durante la Seconda Guerra Mondiale migliaia di uomini e donne furono deportati dalle città e dai villaggi della Russia, Ucraina e Bielorussa nei campi di lavoro in Germania. Le lettere, le memorie, le interviste raccolte nell’archivio di Memorial testimoniano le esperienze degli ostarbajyterov (lavoratori dell’est) durante la loro detenzione  e la loro difficile condizione al loro ritorno in patria.

Il libro ha vinto il premio “Prosvetitel’” 2017.

 


Il libro: Il segno non si cancella. Il destino degli ostarbeiter nelle lettere, memorie e racconti