con il contributo della Fondazione Cariplo

Gli ultimi testimoni. Gli italiani di Crimea | El’vira Avgustovna Turčenko

Sezione: Gli ultimi testimoni. Gli italiani di Crimea

1934: El’vira nasce a Džankoj, figlia di Avgust Iosifovič Tral’man (1900-1975) e di Rosalia Iosifovna Fabiano (1914-1993)
1936: Nascita del fratello Iosif.
1937: Arresto dello zio Stepan Iosifovič Fabiano fratello della madre.
1941: Inizio della guerra, El’vira frequenta la prima classe a Kerč’.
1942: Nel mese di gennaio la famiglia Fabiano viene deportata nel villaggio di Smirnovka, vicino ad Atbasar, in Kazakistan.
1942: Morte del fratello Iosif.
1942: Demjan’ Fabiano viene arruolato nell’esercito del lavoro e mandato a lavorare al complesso industriale di Čeljabinsk.
1944: Si trasferiscono a Žuravlevka nel distretto di Kalinin, Kazakistan.
1945: Gli italiani che erano stati  arruolati nell’esercito del lavoro vengono congedati.
1945: La famiglia si trasferisce a Čeljabinsk  e si ricongiunge con Dem’jan Fabiano. El’vira frequenta la scuola.
1946: In primavera si trasferiscono ad Akmolinsk.
1946: La madre si risposa con Venedikt Salvatorovič Di Benedetto (1909-1975).
1947: Nascita del fratello Pavel (ora vive e lavora in Kazakistan).
1947-1951: El’vira frequenta la scuola e finisce la settima classe.
1951-1955: Si iscrive all’Istituto tecnico dei trasporti ferroviari.
1955: Lavora in una piccola stazione ferroviaria nel distretto di Kokčetav.
1956: Si sposa con Ivan Kirillovič Turčenko (1930- 2001).
1957: Nasce il primo figlio Aleksandr (ora vive in Kazakistan).
1958: La famiglia Turčenko torna a Akmolinsk.
1959: Nascita della figlia Larisa.
1960-1987: El’vira lavora in un ufficio di autotrasporti.
1987: I coniugi Turčenko tornano a Kerč’.
1988-1990: El’vira lavora come lavapiatti in un orfanotrofio.
1990: El’vira va in pensione.
1992: La figlia Larisa con la famiglia emigra in Germania.
1993: Morte della madre.
2001: Morte del marito.
Ora vive da sola a Kerč’.

Prima parte dell’intervista

Seconda parte dell’intervista

Terza parte dell’intervista

Scarica la trascrizione dell’intervista

Scarica la traduzione dell’intervista

Credits
Intervistatrice: Irina Ostrovskaja
Operatore: Viktor Griberman
Trascrizione: Natalia Christoforova
Traduzione: Zeno Gambini
Giulia Giachetti Boico per la sua preziosa collaborazione a Kerč’

La storia di El’vira in breve

El’vira Avgustovna Fabiano nasce nasce a Džankoj  nel 1934.
Il padre Avgust  Iosifovič Tral’man (1900-1975), di nazionalità estone,  è direttore di un cantiere navale e membro del Partito  Comunista. La madre Rosalia Iosifovna Fabiano (1914-1993), di nazionalità italiana,  lavora come segretaria nello stesso cantiere navale.
El’vira non conosce i parenti del padre.
Sua madre Rosalia aveva una grande famiglia. Suo padre Iosif Stefanovič Fabiano, un capitano di lungo corso, muore in giovane età. Sua moglie Anna rimane sola con 4 figli: Stepan, Giovannella Rosa e Demjan’. La famiglia vive in una casa a due piani insieme alla famiglia della sorella della madre Angelina sposata con De Celis e la sorella  Laura, nubile.
Nel 1936 Nasce Iosif.
Nel  1937  Stepan Iosifovič Fabiano viene arrestato. È un duro colpo per la famiglia. Una delle conseguenze  dell’arresto è la separazione dei genitori di El’vira.
Rosalia torna a casa di sua madre con i suoi due bambini. Ben presto le assegnano una stanza in un appartamento comune.
Il fratello minore, Demjan’, viene arruolato nella regione del Zabajkal, ma dopo l’arresto del fratello maggiore, viene  espulso in quanto fratello di un nemico del popolo e Demjan’  torna a Kerč’.
Nel 1941, dopo l’inizio della guerra, El’vira frequenta la prima classe. Durante l’occupazione tedesca assiste all’arresto di ebrei e ricorda le lunghe colonne di ebrei portati alle fucilazioni. I tedeschi arrestano anche alcuni italiani, ma una volta controllati i passaporti, li liberano.
Nell’inverno del 1942, dopo la prima liberazione dall’occupazione tedesca di Kerč’, la famiglia Fabiano viene deportata insieme a tutti gli italiani.
Rosalia con i due figli, la nonna, la moglie di Stepan e Demjan’ vengono inviati su di un convoglio nella regione di Atbasar. In Kazakistan i deportati vengono distribuiti in varie famiglie kasake; i Fabiano finiscono nel villaggio di Smirnovka presso una vecchia sordomuta. Soffrono la fame e il freddo. I bambini si ammalano, Iosif si ammala e muore. Durante la guerra vengono richiamati all’armata del lavoro Demjan’ Fabiano e Venedikt Di Benedetto, futuro marito di Rosalia. Nel 1946, congedati, tornano dalla famiglia.
La famiglia Fabiano vive per  tre anni  (1941-1944) nel villaggio di Smirnovka. Rosalia lavora come agrimensore.
Nel  1944 Rosa decide di fuggire raggiunge il villaggio  di Žuravlevka nella regione di Kalinin, dove vivevano i suoi parenti, la zia e la cognata. In seguito la zia va a prendere a Smirnovka la nonna e El’vira. Vivono un anno a Žuravlevka e dopo la fine della guerra si trasferiscono a Čeljabinsk dove viveva Demjan’ Fabiano .
Qui El’vira ripete la prima classe. Nella primavera del 1946 El’vira, con la mamma e la nonna, tornano in Kazakistan ad Akmolinsk. Rosa si sposa  con Venedikt Sal’vatorovič De Benedetto (1909-1975). El’vira lo considera come un padre. Nel 1947 nasce Pavel ( attualmente vive e lavora in Kazakistan).
El’vira termina la settima classe. Ad Akmolinsk esistevano  due istituti tecnici: quello  dei trasporti ferroviari e quello di veterinaria. El’vira studia all’Istituto tecnico dei trasporti ferroviari (1951-1955) e poi viene inviata a lavorare in un lontano villaggio  nel distretto di Kokčetav. Qui conosce e sposa  Ivan Kirillovič Turčenko (1930).
Ivan Kirillovič proveniva da una famiglia contadina che negli anni Trenta risiedeva a Pavlograd e per  sfuggire alla lotta contro i kulaki  si era rifugiata in Kazakistan.
Nel  1956 El’vira e Ivan registrano il loro matrimonio.
Nel  1957 nasce il figlio Aleksandr (attualmente vive e lavora in Kazakistan).
Nel 1958 la famiglia Turčenko torna ad Akmolinsk dove si sistema con i genitori di El’vira. Ivan Kirillovič lavora come  caposquadra alla fabbrica Celincel’mas.
Nel 1959 nasce Larisa: Dopo la nascita del secondo figlio El’vira lascia il lavoro alle ferrovie e lavora in un ufficio di autotrasporti.
Larisa si sposa con un tedesco del Volga, la cui famiglia era stata deportata in Kazakistan. Nel 1992 Larisa emigra in Germania.
Nel  1987 Ivan Turčenko va in pensione e decidono di tornare a Kerč’. Il loro figlio Aleksandr rimane a vivere in Kazakistan. A Kerč’ si comprano una piccola casa ed El’vira lavora fino all’ età della pensione come lavapiatti in un orfanotrofio. Nel 1990 va in pensione.
Dopo la morte del marito El’vira rimane completamente sola. Vorrebbe riunirsi alla famiglia della figlia, ma la Germania accetta solo consanguinei di nazionalità tedesca.

Le foto sono state gentilmente concesse da El’vira Avgustovna Turčenko.

 

 


Gli ultimi testimoni. Gli italiani di Crimea | El’vira Avgustovna Turčenko